Home » News » Gestione della Sicurezza dei carrelli elevatori (D.Lgs. 81/08)

Gestione della Sicurezza dei carrelli elevatori (D.Lgs. 81/08)

11 Maggio 2011

La manutenzione dei carrelli elevatori è fondamentale per garantire nel tempo la permanenza dei requisiti di sicurezza e delle caratteristiche operative fissate dal costruttore ed imposte dal D:Lgs.81/08.
La manutenzione ordinaria deve essere eseguita con una frequenza tale da garantire sempre la messa in sicurezza, tale frequenza è calcolata dall’intensità dell’utilizzo del mezzo.

1) I carrelli elevatori devono essere sottoposti ad un analisi dei rischi nell’ambiente dove operano.
All’atto della scelta delle attrezzature, il datore di lavoro deve prendere in considerazione le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro che devono svolgere, i rischi presenti nell’ambiente di lavoro, i rischi derivanti dall’impiego delle attrezzature stesse e quelli derivanti da interferenze con le altre attrezzature già in uso.

2) I carrelli elevatori devono essere dotati di una Certificazione di Conformità , di un Manuale d’Uso e Manutenzione aggiornato, del Libretto del Carrello elevatore  e del Test di sicurezza, in base ai componenti di sicurezza applicati al carrello stesso e alle sue attrezzature.

3) I carrelli elevatori oltre alla normale manutenzione prevista dal costruttore devono subire una verifica con un Test di sicurezza almeno annuale, la frequenza delle  verifica viene stabilita in base all’utilizzo del mezzo e viene fatta da tecnici specializzati e certificati dal costruttore.

4) Chiunque utilizzi i carrelli elevatori deve essere sottoposto ad una corretta formazione come previsto dal D.Lgs. 81/08. il datore di lavoro è obbligato all’INFORMAZIONE e alla FORMAZIONE dei dipendenti preposti all’utilizzo di carrelli elevatori ed attrezzature nell’ambito delle proprie mansioni. Art. 32, 36, 37, 71, 73.

A seguito di controlli o segnalazioni agli organi preposti ai controlli o a causa di infortuni, il datore di lavoro o chi per esso preposto alla sicurezza rischia una pena da € 300,00 a € 18.000,00 e fino all’ ARRESTO con responsabilità PENALE.